22 milioni per famiglie ed imprese: la buona Pasqua del comune di Bologna

22 milioni di euro per famiglie ed imprese. Il sindaco di Bologna Virginio Merola ha deciso di destinare una parte dell’avanzo di bilancio, 74 milioni di euro, a sostegno della cittadinanza. Una manovra importante resa possibile grazie ad una gestione virtuosa del bilancio che il sindaco ha scelto di destinare in particolare ad azioni di welfare che già rappresentano il 40 % della spesa corrente del comune di Bologna.

4,5 milioni e mezzo per i contributi all’affitto, 3 milioni per abbattere le tariffe dei nidi che per le famiglie con un Isee fino a 40mila euro, grazie anche al bonus dell’Inps, potranno azzerare il costo del servizio. Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia tutte le famiglie saranno esenti dal pagamento della refezione scolastica, indipendentemente dall’Isee, fino alla fine dell anno scolastico. Altri 2 milioni saranno destinati ai centri centri estivi, 1 milione e mezzo per i buoni pasto e un altro milione per finanziare l’esenzione del pagamento della tassa per l’occupazione del suolo pubblico dei dehors.

Altri 10 milioni di euro sono destinati agli sconti sulla Tari per le attività economiche chiuse a causa delle restrizioni dovute alla pandemia. Infine la città metropolitana stanzia 563 mila euro per l’acquisto di dispositvi digitali che saranno donati alle scuole e che verranno messi a disposizione delle famiglie e dei giovani in comodato d’uso gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *