Bologna, due fermi per tentato omicidio aggravato

Al termine di una discussione di un bar alla periferia di Bologna, lo scorso 22 ottobre, hanno aggredito e ferito ad una mano e alle spalle con un machete un loro conoscente del Marocco. Per questo la squadra mobile di Bologna ha eseguito un fermo per tentato omicidio aggravato dalla premeditazione in concorso e porto abusivo di oggetti atti ad offendere a carico di due cittadini tunisini di 39 e 42 anni.

La vittima, dopo essere stata ferita, era riuscita a fuggire rifugiandosi nel bagno del locale riportando lesioni giudicate guaribili in 15 giorni. Grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza del bar, gli agenti sono riusciti ad identificare uno degli aggressori, un pluripregiudicato. e a capire che l’azione era premeditata e che l’uomo era stato aiutato al connazionale che nelle fasi iniziali aveva prima distratto e poi tentato di trattenere la vittima.

Le indagini hanno poi permesso agli investigatori di scoprire che i due abitavano in via dello Scalo, appena fuori dal centro. Durante la perquisizione che ne è seguita sono stati trovati gli abiti indossati durante l’aggressione macchiati di sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *