Alberghi: nuovi incentivi dalla regione

Più che raddoppiati gli investimenti per la riqualificazione di alberghi e strutture ricettive finanziati dai fondi europei (Programma del fondo europeo di sviluppo regionale).

Come annunciato nel dicembre scorso, la Regione Emilia-Romagna aggiunge altri 10 milioni di euro al plafond di 35 milioni stanziati nel 2023, raggiungendo la quota di 45 milioni di contributi a fondo perduto da assegnare alle imprese turistiche, la cifra più alta mai investita in misure analoghe da viale Aldo Moro. E con un investimento complessivo generato, tra risorse private e pubbliche, che supera i 145 milioni di euro.

Vista l’alta qualità delle proposte e il successo di partecipazione al bando concluso nel settembre scorso, la Giunta regionale ha ritenuto di aumentare il fondo disponibile, rispetto ai 20 milioni inizialmente previsti, allo scopo di soddisfare il più alto numero di progetti ammessi a finanziamento.

Con la delibera approvata oggi, grazie allo scorrimento della graduatoria, sono oltre il 90% dei progetti valutati ammissibili che potranno ottenere il contributo regionale: 80 in più rispetto allo scorso anno, complessivamente 289 sui 321 ammissibili.

“Entro il 2030 il turismo in Emilia-Romagna può diventare la prima industria del territorio per valore economico- afferma l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini-. Noi ci crediamo ed è anche grazie a bandi come questo, il più alto di sempre, che aiutiamo le imprese a essere sempre più attrattive e competitive. Riqualificare le strutture ricettive, migliorare l’accessibilità per le persone disabili, puntare su sostenibilità ambientale e digitalizzazione, rappresentano alcuni dei nuovi obiettivi da raggiungere per garantire un’offerta di qualità apprezzata e ricercata dai turisti italiani e stranieri. Il fatto poi che così tante imprese abbiano risposto in modo così massiccio al bando- chiude l’assessore- vuol dire che abbiamo intercettato un bisogno reale. Continueremo perciò a stare al fianco degli imprenditori e degli operatori che vogliono migliorare il loro lavoro, per far crescere la nostra industria turistica economica e posizionare l’Emilia-Romagna come regione leader del settore nel Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *