Basket: alla vigilia del derby le parole di Dalmonte e Djordjevic

Il coach della Fortitudo Luca Dalmonte a 24 ore dal derby di domenica sera tra Virtus e Fortitudo ha presentato l’incontro: “L’obiettivo che mi sono posto in queste ultime ore è di cercare, in tutti i modi, di far capire cosa significhi derby per il nostro popolo. E, di conseguenza, cosa significhi giocare con la maglia della Fortitudo. Devo far comprendere che c’è un aspetto tecnico e tattico, ma anche soprattutto emotivo, che deve essere dimostrato senza le parole di rito, quelle che magari ripetiamo a memoria, ma che deve essere davvero sentito dentro al campo. Per ogni azione, per ogni scivolamento, per ogni secondo che sarà dentro la partita. Poi c’è l’aspetto tecnico-tattico: dico già che avremo Saunders fuori e Withers in dubbio fino all’ultimo momento per vedere quali saranno le sue condizioni. Quindi ci saranno situazioni anomale, noi dovremo essere capaci di leggere sia i nostri quintetti che quelli degli avversari per cercare di tirare fuori vantaggi e capire le giuste strategie difensive. Allo stesso tempo, questo non ci deve condizionare nell’approccio: chi lotta può anche perdere, ma chi non lotta ha già perso. Conosciamo e rispettiamo la forza dell’avversario, e in questo dovremo ricercare le modalità e le chiavi giuste per interpretare la partita”. Pur senza pubblico ha il sapore di un vero derby? “Non può essere considerato una partita, è ‘la’ partita come è giusto che sia. Il rumore dei nostri tifosi non lo sentiremo esternamente ma dovremo sentirlo dentro di noi. E questo sarà l’unico modo per avere con loro una connessione. Ci sono stati derby con una straordinaria favorita e grande differenza di classifica, come può essere oggi. Ma proprio per questo, in una realtà dove la Fortitudo era sfavorita, si alzava il livello di sfida e il desiderio di giocarlo. E’ per questo che ritengo necessario far capire ai giocatori cosa significhi giocare il derby con la maglia dell’Aquila.” La situazione di Mancinelli? “Sarà nei 12. Ha fatto per forza di cose lavoro differenziato e con poca palla. Le aspettative sul suo utilizzo devono essere a zero, la pianificazione per il suo rientro avrà altri tempi. E’ anche vero che mai dire mai, considerando che solo gli stolti hanno certezze. Io non ho il desiderio di mandare allo sbaraglio Mancinelli su una partita che andremo tutta a verificare”. Cosa dovrà fare la Fortitudo per arginare la Virtus? “Una presenza emotiva, un desiderio di giocare al meglio e a tratti anche al di sopra delle nostre possibilità. Intelligenza nel leggere le situazioni e i loro quintetti. La Virtus può cambiare tanti giocatori sullo stesso ruolo, martedì ha utilizzato 12 giocatori nei primi 10 minuti, e per questo serve una attenzione pazzesca. Possono cambiare giocatori diversi nello stesso ruolo, avere tre esterni, far cambiare ogni volta gli scenari e quindi di riflesso anche le nostre risposte. Loro hanno un sistema difensivo di grande qualità, è giusto dirlo, hanno interpreti intelligenti, e in attacco proposte offensive che noi dovremo leggere.” Vi manca sempre un 4. “In attesa di capire come starà Withers, in questo ruolo dovremo alternare chi ci sarà. Di certo uno dei giocatori in quel ruolo non sarò io…

Dall’altra parte Sasha Djordjevic al ritorno dalla vittoriosa trasferta di Badalona ha detto: “Dopo un bel passo in avanti in EuroCup siamo pronti a cambiare registro. Conosciamo tutti l’importanza del derby per questa città, per la nostra Società ma anche per il campionato. È importante che i giocatori capiscano la necessità di cambiare registro e di concentrarsi di nuovo sui compiti individuali. Sono molto fiducioso di riuscire a confermare quello che di buono abbiamo fatto nella partita di ieri. Ovviamente lo sforzo fisico è stato notevole in questo quarto di finale. Il derby è una grande partita e le grandi partite vengono decise dai grandi giocatori, con grandi giocate, è una vecchia regola. Non è scontato nella carriera di ognuno giocare questo tipo di partite. Servono motivazione massima e la faccia migliore.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *