Bologna: con il Napoli Orsolini in dubbio per la sublussazione alla spalla

Dopo la sconfitta di ieri di Cagliari 2-1, il Bologna è già tornato al lavoro questa mattina, con una seduta di scarico. Schouten sta accelerando i tempi con carichi crescenti, mentre purtroppo il migliore in campo, orsolini, ha riportato una sublussazione della spalla destra e la sua presenza con il Napoli è in dubbio. Solo crampi, fortunatamente per Bonifazi e Dominguez. Con gli azzurri dovrebbero tornare a disposizione anche Soumaoro e Sansone, mentre solo Molla tra i positivi, è riuscito a negativizzarsi, ma si spera che in una settimana possano tornare a disposizione sia Medel che Hickey.

Intanto, però, c’è da ragionare sui motivi della sconfitta di ieri e sulla tante coccole che hanno accompagnato il Bologna dando ogni tipo di alibi. Una sconfitta preparata a tavolino nei giorni precedenti, e impreziosita dal fatto che la squadra ha subito due reti negli ultimi venti minuti, facendo perfetta la tesi che senza gli allenamenti degli ultimi cinque giorni la benzina è finita.

Purtroppo, però, a Cagliari si è visto lo stesso Bologna di altri incontri, come quello di Empoli o Torino, dove è mancato il giusto approccio e non la benzina.

Il primo tempo è stato poco degno di una partita di serie A, con il Cagliari impaurito e il Bologna che non ci ha mai provato. Nonostante questo un clamoroso errore di Dijks ha permesso ai locali di sprecare un’ottima occasione cogliendo il palo.

Nella ripresa un Bologna un po’ più vispo ha trovato la rete con una splendida punizione di Orsolini,un gol che ha fatto uscire al Cagliari tutta la rabbia e disperazione possibile. Gli isolani hanno solo due giocatori migliori di quelli del Bologna il portiere Cragno e Joao Pedro. Nonostante questo buttare palloni nel mezzo e provare a superare fisicamente i rossoblù ha pagato.

Nella prima rete Theate si è subito accusato di aver lasciato libero a due metri dalla porta Pavoletti e lo stesso giocatore ha contrastato al 93′ con troppa sufficienza Pereiro nel tiro del 2-1. Anche se è chiaro che un portiere deve solo coprire il suo palo e Skorupski non lo ha fatto.

Dunque da un Bologna con una limitata autonomia ci si sarebbe potuto attendere un inizio ben più solido e volenteroso, sapendo di avere un’autonomia limitata, mentre gli alibi della vigilia sono stati perfetti per scaricare sull’antisportività del Cagliari che non ha accettato di posticipare almeno ad oggi la partita.

Mihajlovic è bravissimo in questo, ed è pagato molto bene anche per spostare su altri le colpe di squadra e società. Ora c’è un mercato aperto, con Il Valencia molto interessato ad Orsolini e chissà com’è non a Skov Olsen, che anche ieri si è divorato di testa una succulenta occasione.

Ora testa bassa e lavoro perchè lunedì con il Napoli gli alibi sono finiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *