Bologna: con la Lazio banco di prova per tutti. Anche i tifosi si sono stancati

Sono giorni convulsi a Casteldebole. La squadra continua i doppi allenamenti quotidiani ancora in clima di ritiro. Ma sembra che una parte dei senatori abbia chiesto al tecnico di sospendere il ritiro, accordandosi per un cambio modulo difensivo che possa dare maggiori garanzie ed evitare le brutte figure fatte con Ternana, Inter ed Empoli.

Intanto Saputo, che dopo sette anni sembra aver preso per la prima volta in mano la situazione, non solo mandando via Sabatini, ma mettendo in discussione Mihajlovic, potrebbe aspettare domenica a tornare in Canada. In caso di Caporetto anche con i laziali potrebbe essere lui a salutare il tecnico serbo per chiamare un Claudio Ranieri che è praticamente fuori dalla porta.

Una situazione nella quale di sicuro non è responsabile Sabatini, Mihajlovic sicuramente di più, ma allo stesso modo tutto il reparto dirigenziale che ha fatto le scelte di mercato e i giocatori, involuti non solo a causa di uno schieramento tattico, ma per una mancanza di assunzione di responsabilità dettata prima di tutto dal fatto che si sono accorti che in società qualsiasi cosa succeda va sempre bene. Sia che si perda, sia che si vinca non c’è né entusiasmo ma neppure la consapevolezza che se qualcuno sbaglia deve pagare, come accade in qualsiasi azienda. E dove si sta troppo bene, dove nessuno sgrida e paga per gli errori, dove lo stipendio arriva sia in caso di sconfitta che di vittoria e dove anche i tifosi sono quasi sempre benevoli e la stampa che mette in guardia tacciata come “maigoduta”, il giocatore troppo spesso tira i remi in barca, anche inconsciamente, visto che non sempre è possibile trovare gli stimoli nei lauti stipendi. Anche i tifosi, questa volta, si sono stancati e salvano solo Saputo con uno striscioni molto pesante lasciato a Casteldebole.

Dunque finalmente sembra arrivato un po’ di sano decisionismo di Saputo, il quale dopo aver messo 230 milioni in sette anni, forse si è accorto che il Buonismo in questo ambiente non paga per nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *