Bologna: una nuova vita per l’ex ambulatorio di Via Tiarini

Una nuova vita per l’ex ambulatorio Ausl di via Tiarini a Bologna. Ad annunciarla in maniera congiunta il sindaco Virginio Merola, l’assessore regionale allo Sviluppo Economico e al Lavoro Vincenzo Colla e Raffaele Tangorra, commissario straordinario dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro.

I tre hanno presentato l’accordo fra il Comune e l’Agenzia per il Lavoro della Regione che permetterà allo stabile di diventare sede del Centro per l’impiego e dell’ufficio di collocamento mirato nonché dello Sportello comunale per il lavoro. 

L’attuale sede del Centro per l’impiego di via Todaro non era ritenuta più idonea perché l’Agenzia Regionale per il Lavoro aveva necessità di ampliare l’organico. Secondo la legge, il Comune è tenuto a mettere a disposizione i locali. Si è deciso così di puntare sul complesso immobiliare di via Tiarini, costruito negli anni ’40 che si estende su 3500 metri quadri.

Lo stabile è stato acquistato dal Comune a fine 2020 con risorse proprie per tre milioni e centomila euro. L’accordo prevede che il Comune ceda in comodato per trent’anni l’utilizzo parziale della struttura, mentre l’Agenzia si impegna a erogare l’85% delle risorse necessarie ad adeguare la struttura fino ad un massimo di 3 milioni di euro. Si tratta di fondi che provengono dal Ministero per il Lavoro che ha adottato un piano di potenziamento in attuazione della legge 26 del 2019 sul reddito di cittadinanza.

L’accordo, licenziato dalla giunta bolognese, fissa anche i tempi della riqualificazione dello stabile: entro settembre 2022 sarà approvato e finanziato il progetto esecutivo e i lavori dovranno essere conclusi entro due anni dal loro inizio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *