Contraffazione: sequestrati 3.000 pezzi alla vigilia del GP di Misano

Avrebbe fruttato sul mercato otre 60.000 euro il merchandising sportivo contraffatto con i marchi di alcune delle case più famose del motociclismo e dell’automobilismo sequestrato dalla Guardia di Finanza alla vigilia del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini’ in programma sul circuito di Misano Adriatico.

Le Fiamme Gialle hanno trovato circa 3.000 pezzi, tra capi di abbigliamento ed etichette false, prodotti in casa propria da un commerciante italiano. I prodotti venivano poi venduti in un negozio nel centro di Riccione.

Nell’abitazione sono stati rinvenuti anche macchinari necessari per la produzione e confezionamento, due presse utilizzate per la stampa dei marchi registrati sui capi neutri, ed oltre un migliaio di etichette termoadesive pronte per essere applicate. L’uomo è stato denunciato per ricettazione e commercio di prodotti falsi.

In occasione del Gran Premio sono stati aumentati i controlli da parte della Guardia di Finanza per contrastare il fenomeno della contraffazione e quello del bagarinaggio. 4O militari operano nell’area del circuito e nelle vicine vie d’accesso sia in divisa che in borghese anche con l’ausilio di unità cinofile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *