Emilia-Romagna: terra da vivere e gustare

L’Emilia-Romagna si conferma meta di turismo enogastronomico. 44 prodotti a marchio DOP e IGP in ambito agroalimentare, 30 a denominazione d’origine in quello vitivinicolo, 398 prodotti agroalimentari tradizionali, l’Emilia-Romagna continua ad essere una regione da gustare in tutti i sensi. È un legame sempre più stretto quello tra agricoltura e turismo che quest’anno toccherà di nuovo, dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria, diversi luoghi lungo la via Emilia.8 appuntamenti estivi per unire cibo, vino, cultura e tradizione.

Si parte con il Motor Valley Fest, dal 1^ al 4 luglio, dove le produzioni di eccellenza del territorio saranno presentate al pubblico nella suggestiva Piazza Grande. Si prosegue poi con la Notte Rosa (26 luglio-1^ agosto), evento clou dell’estate sulla Riviera Romagnola con la prima tappa a Cervia il 29 luglio di Tramonto di Vino, E ancora, Al Meni ‘Circo mercato di sapori e cose fatte con le mani e col cuore’ che porterà a Rimini il 7 e l’8 agosto Bottura e i migliori talenti della gastronomia italiana e internazionale. E poi il Meeting di Rimini dal 20 al 25 agosto, mentre tra la fine di agosto e la prima metà di settembre, saranno tre le fiere legate ai prodotti della terra. La prima è con Cibus (31 agosto-3 settembre) a Parma, a seguire Macfrut (Rimini 7-9 settembre) e infine il Sana, fiera dedicata al biologico, a Bologna 9-12 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *