Griffe taroccate: casalinga denunciata

Aveva aperto una vera e propria boutique di lusso nel suo appartamento. Capi di Gucci, Armani, Timberland, Adidas e Liu-Jo, tutto taroccato. A gestire il giro d’affari una casalinga di Bibbiano (Re) di origine campane, che aveva trasformato la sua abitazione in un atelier.  I carabinieri, nell’armadio della sua camera da letto, hanno sequestrato una quarantina di capi d’abbigliamento e accessori contraffatti. La donna ha cercato di giustificarsi dicendo che i vestiti erano per i suoi figli, peccato che la maggior parte delle taglie nulla avevano a che fare con loro. I capi d’abbigliamento e gli accessori sono stati sequestrati e la donna è stata denunciata. Ora le indagini proseguono sia per risalire ai canali di approvvigionamento della merce, sia per identificare eventuali clienti compiacenti che a loro volta acquistando beni di provenienza illecita possono rispondere del reato di ricettazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *