Imola si garantisce la Formula 1 fino al 2025

Torna il Gran Premio di Formula a Imola. Non solo nel 2022, ma anche negli anni a seguire: grazie all’impegno del governatore Stefano Bonaccini  è un passo dall’essere firmato un accordo quadriennale per avere Hamilton e soci all’autodromo Enzo e Dino Ferrari. L’egida dunque sarà sempre quella del Gran premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna. L’evento servirà per mettere in vetrina il rilancio non solo della nostra regione, ma di tutto il Paese.

Anche il premier Mario Draghi ha avuto un ruolo nell’intesa, oltre ovviamente al ministro Luigi Di Maio e a Stefano Domenicali, imolese ora a capo del circus della F1. “Sarà un accordo storico, raggiunto grazie all’impegno del Governo che ringrazio – dice il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini -. E’ una grande soddisfazione per tutti i tifosi e i cittadini e soprattutto per il territorio imolese ed emiliano-romagnolo”.

L’accordo «è sicuro e verrà ufficializzato sabato, in occasione della presentazione del calendario 2022». A confermarlo è il sindaco Marco Panieri: «L’impegno congiunto di Comune, Con.Ami, Regione, Governo e Aci ha portato a questo risultato importantissimo, per noi e per la città».
Il contratto con Liberty Media – presieduta, lo ricordiamo, dall’imolese Stefano Domenicali, Ceo della Formula 1 – sarà valido «per il 2022, con rinnovo automatico fino al 2025 al termine della prossima stagione», prosegue il primo cittadino imolese. Date e cifre saranno svelate il prossimo 25 settembre, ma è probabile l’inserimento del
Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia Romagna nel weekend del 15-17 luglio 2022. L’investimento, conclude Panieri, sarà «più o meno il doppio del Gp 2021» (una cifra vicina ai 20 milioni, ndr).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *