La GDF sequestra 1.3 milioni di euro a narcotrafficante

La Guardia di Finanza di Catanzaro, assieme ai colleghi di Bologna, ha sequestrato beni per 1,3 milioni di euro ad un narcotrafficante internazionale originario del vibonese da tempo residente in Emilia Romagna. Il provvedimento è stato emesso dal tribunale di Catanzaro.

L’uomo, coinvolto in vari procedimenti penali per l’importazione in Italia di ingenti carichi di sostanze stupefacenti provenienti dal Sudamerica nascosti in carichi di merce di copertura come tubi di plastica inseriti in blocchi di marmo, controsoffittature in plastica, è attualmente in carcere dove dovrà scontare una condanna valida fino al 3 ottobre 2045.

Il sequestro scaturisce soprattutto dalle indagini economico-patrimoniali svolte dalle Fiamme Gialle di Catanzaro e Bologna con il coordinamento della Procura di Catanzaro. Dalle analisi effettuate è stato possibile accertare un’evidente sproporzione tra il valore del patrimonio accumulato nel tempo e le fonti di reddito lecite a lui riconducibili.

I sigilli sono stati apposti dai finanzieri ad un appezzamento di terreno in provincia di Vibo Valentia e a due fabbricati di pregio in provincia di Bologna. Nel 2014 l’uomo era stato destinatario di un analogo provvedimento di confisca emesso dall’autorità giudiziaria di Bologna poi annullato dalla Cassazione che, accogliendo il ricorso dell’interessato, aveva sancito la competenza della Procura di Catanzaro sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *