Mercoledì 17 la cittadinanza onoraria a Sinisa Mihajlovic

Mercoledì 17 novembre alle 18 nella sala del Consiglio Comunale sarà conferita a Sinisa Mihajlovic la cittadinanza onoraria come deciso dallo stesso consiglio comunale il 27 luglio del 2020. La motivazione indica un riconoscimento per aver manifestato un partivcolare senso di appartenenza alla comunità locale, connesso all’importante ruolo pubblico rivestito e alla sua esperienza di vita nell’affrontare la malattia.

Una decisione che nel frattempo non ha sempre trovato l’unanimità dei consensi, mettendo in difficoltà lo stesso tecnico, specie quando gli è stato chiesto di abiurare alcune frasi del suo passato su Arkan, responsabile di crimini di guerra. Ma è chiaro che Mihajlovic la cittadinanza non l’ha mai chiesta, gli è stata conferita da tutto il Consiglio.

Nello stesso momento, sarebbe stato, probabilmente, non farsi prendere dalla sua storia personale, per un ordine del giorno del 9 dicembre 2019 che in quel momento è sembrato affrettato e sul quale nessuno avrebbe mai potuto dire qualcosa vista la battaglia che il tecnico stava combattaendo, molto più dura di quella stravinta sul campo nell’aver salvato la squadra allo sbando dopo il girone di andata di Inzaghi.

Mercoledì prossimo, probabilmente, sarà ancora una volta festa, come quella celebrata giovedì scorso a due anni dal trapianto di Mihajlovic, tenendo conto che verranno tenuti fuori gli argomenti più spinosi e sarà celebrato la forza di un uomo che sta raccogliendo in questa stagione anche ottimi frutti dal punto di vista sportivo, per una fede, quella per i colori del Bologna, che unisce l’intero consiglio comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *