Monterenzio (Bo): due persone denunciate per macellazione clandestina

Uccidevano agnelli senza il previsto stordimento e in assenza delle necessarie autorizzazioni igienico sanitarie. Nei guai due uomini, un italiano titolare di un allevamento di ovini e un marocchino, che dovranno rispondere dei reati di uccisione di animali e macellazione clandestina. I carabinieri forestali di Monterenzio (Bo) insospettiti dalla presenza dei due in un’area boschiva vicino ad un allevamento di ovini, sono intervenuti mentre era in corso la macellazione prevista da un rito religioso. Richiesto l’ausilio dei Veterinari dell’AUSL di Bologna, che hanno constatato l’uccisione di alcuni agnelli mediante sgozzamento e senza il preventivo stordimento. Uno era già stato scuoiato ed eviscerato e riposto in un sacco di plastica in attesa di essere trasportato e un altro appena ucciso trovato appeso ad una trave posta tra la vegetazione. Sul posto anche sacchi di plastica contenenti interiora e le teste degli animali crudelmente uccisi oltre a diverse chiazze e tracce di sangue non ancora rappreso. Gli animali sono stati sequestrati e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono in corso ulteriori accertamenti per la definizione delle sanzioni amministrative per il mancato rispetto delle norme riguardanti gli aspetti igienico sanitari e la corretta tracciabilità degli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *