“No vax” muore all’ospedale di Cona: si curava da solo

Il 68enne “no vax” ricoverato all’ospedale di Cona (Fe) è morto. L’uomo che da più di un mese era in condizioni critiche per le conseguenze del Covid-19, inizialmente si era curato a casa da solo, con il medico a distanza e anche in ospedale aveva tentato di firmare le dimissioni e rifiutare le cure. Dopo la sua morte la procura di Ferrara ha disposto i primi atti dell’autopsia e indaga per omissione di soccorso, contro ignoti. Agli atti anche messaggi e mail che l’uomo stesso fornì ai medici una volta in ospedale, dove si era recato convinto da una sua amica. Tra i farmaci che gli erano stati prescritti ci sarebbero anche vermifughi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *