Picchia e palpeggia la ex, ventiseienne arrestato a Bologna

Verso le 5 di martedì mattina aveva tentato di entrare una prima volta in casa della ex, alla periferia sud-est di Bologna, ma gli amici di lei che erano nell’abitazione erano riusciti ad allontanarlo. Poi, dopo che i due erano andati via, probabilmente rassicurati, è tornato alla carica, riuscendo a farsi aprire la porta dalla trentenne che sperava di calmarlo e poi l’ha minacciata, picchiata, prendendola a calci e tirandola per i capelli e palpeggiata nelle parti intime.

Per questo la polizia di Bologna ha arrestato un ventiseienne italiano. A dare l’allarme alla polizia i vicini, allertati dalle grida della ragazza. Una volta giunti sul posto gli agenti l’hanno trovata in strada dopo essere riuscita a sfuggire al suo aggressore che è stato bloccato.

Il ventiseienne che è stato portato in carcere in attesa della convalida dell’arresto, risponde di violenza sessuale, lesioni personali, minacce e danneggiamento per aver rovinato alcune suppellettili durante la colluttazione in casa. La ragazza che aveva contusioni sulle braccia e un forte dolore alla testa a causa dei capelli tirati ha riportato una prognosi di 20 giorni.

L’aggressore risulta già gravato da precedenti per minacce e lesioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *