Prostituzione: chiuso centro olistico

Anziché massaggi e trattamenti estetici, offrivano servizi di natura sessuale. Lo ha scoperto la Polizia di Bologna che dopo una serie di indagini, ha sequestrato un immobile, in zona Croce Coperta alla periferia della città, che si presentava come centro olistico ma che in realtà era una casa di prostituzione. Le titolari dell’attività, due donne romene, sono indagate per aver gestito il centro e per favoreggiamento e sfruttamento di altre sette donne nei locali. Che si svolgesse prostituzione lo si è appreso dalle recensioni su un sito dedicato ma anche dalle modalità di pagamento, in parte alla reception e in parte alle ragazze, in parte con ricevuta e in parte in nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.