Reggio Emilia: arrestato ‘ndranghetista

La Polizia di Stato di Reggio Emilia ha arrestato il 47enne Salvatore Procopio, ritenuto dagli inquirenti un appartenente alla ‘Ndrangheta emiliana. L’uomo è accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso e di detenzione illegale di armi da sparo.La misura di custodia cautelare in carcere è stata eseguita dalla squadra mobile della questura reggiana, ordinata dal gip del tribunale di Bologna,  nell’ambito dell’operazione ‘Perseverance’.

L’inchiesta aveva già portato in manette diversi esponenti di spicco del sodalizio tra cui Giuseppe Sarcone Grande, Salvatore Muto (classe ’85, fratello di Luigi e di Antonio già condannati in Appello anche nel maxi processo Aemilia), Domenico Cordua e Giuseppe Friyio per associazione mafiosa e per tentata estorsione aggravata dal metodo e dall’agevolazione mafiosi.

Nell’occasione era stata documentata un’attività estorsiva per due milioni di euro di provenienza illecita ed era stata sequestrata un’arma con matricola abrasa e illegalmente detenuta. Arma che, secondo gli investigatori, era stata ceduta a Cordua da Procopio. Quest’ultimo è considerato un cosiddetto ‘azionista’, in grado di compiere azioni criminali anche violente, usando la propria autorevolezza per dirimere controversie e conflitti favorendo in particolare la famiglia Muto già colpita dalle operazioni Aemilia e Grimilde. (ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *