Reggio Emilia, scoperti 86 kg di cocaina e hashish in un casolare

Erano all’interno di un casolare di campagna in provincia di Reggio Emilia i 42 kg di cocaina e i 44 di hashish scoperti dalla Guardia di Finanza di Bologna. Il rinvenimento è arrivato durante le perquisizioni legate a Maffi, l’operazione che martedì scorso ha sgominato un’associazione a delinquere che si occupava di traffico di droga a livello internazionale.

L’edificio da un paio di anni era nella disponibilità del corriere della banda, destinatario di un provvedimento di arresti domiciliari del tribunale di Bologna nell’ambito dell’operazione. Il casolare ufficialmente veniva utilizzato per l’allevamento degli animali da cortile e quando i militari sono arrivati hanno trovato anche un cittadino italiano che dimorava al suo interno.

Nella camera da letto i finanzieri hanno scoperto alcune dosi di hashish e un frullatore con numerose tracce di sostanza bianca che è risultata essere cocaina al narcotest rapido. Dopo aver trovato anche le chiavi di una stanza chiusa che entrambi gli uomini negavano di avere e che erano nascoste dentro ad un armadietto, i militari sono entrati nella camera. Lì, sotto a dei vecchi mobili hanno scoperto la droga messa dentro a dei borsoni assieme a 300 grammi di sostanza da taglio.

I due italiani, entrambi con precedenti, sono quindi stati arrestati in flagranza e portati in carcere a Reggio Emilia. La droga sul mercato avrebbe fruttato circa 2,5 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *