Reggiolo: scoperto allevamento abusivo di cani

Un allevamento abusivo di cani in casa e nel vicino cortile, con spazi di detenzione dalle carenti condizioni igieniche, ma che non hanno inciso sul benessere degli animali.

Lo hanno scoperto nel Reggiano, in seguito a diverse segnalazioni, i carabinieri forestali di Gualtieri e il personale della polizia locale di Reggiolo, con il supporto del servizio veterinario dell’Ausl Reggio Nord

Nell’abitazione sono stati trovati 22 cani meticci, simil Amstaff e American Bully, tra cui cinque femmine adulte e 12 cuccioli nati tra il 2022 e nel 2023, oltre a quattro maschi adulti. Il controllo ha preso in considerazione diversi aspetti, rilevando illeciti sia penali che amministrativi.

In particolare, le strutture di contenimento dei cani erano costruite senza alcun titolo edilizio. Altro aspetto di rilevanza penale è quello relativo alle violazioni commesse in merito alla gestione dei rifiuti dell’allevamento, costituiti in primis dalle deiezioni dei numerosi cani presenti, risultata totalmente priva di tracciabilità e quindi illecita.

L’attività dell’allevamento andava avanti da anni, per evidenti fini commerciali: lo attestano i dati acquisiti in anagrafe canina dai carabinieri e la cessione di numerosi cuccioli. Oltre alle sanzioni relative all’irregolarità dell’attività commerciale, avviata senza la segnalazione di inizio attività al Comune, all’allevatore è stata contestata anche la mancanza del previsto registro degli animali in carico, oltre a quello dei trattamenti sanitari effettuati.
Il titolare dell’allevamento abusivo è stato quindi denunciato per abusi edilizi e gestione illecita di rifiuti, inoltre per lui è scattata una multa di 5mila euro. (Fonte:Ansa)
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *