Rossella Placati: riprendono le ricerche dell’arma del delitto

Ripartono le ricerche dell’arma con cui è stata uccisa Rossella Placati, la donna di 50 anni trovata morta, lo scorso febbraio, nella sua casa di Bondeno, nel Ferrarese.  Ad avvisare i carabinieri, era stato il compagno della vittima, unico sospettato fin dalle prime ore e sottoposto a fermo con l’accusa di omicidio volontario aggravato.

Da questa mattina i carabinieri di  Ferrara  con l’aiuto dei militari del nucleo subacquei di Genova, stanno cercando il coltello e il corpo contundente utilizzati per infierire sulla vittima, nelle acque del Cavo Napoleonico, un canale artificiale, nella zona di Madonna della Pioppa, dove si presume che l’uomo abbia gettato l’arma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *