Saman Abbas è stata uccisa dallo zio

Il fratello di Saman Abbas, la 18enne pachistana sparita da un mese e mezzo e forse uccisa dalla famiglia, ha confermato: la sorella è stata uccisa dallo zio. Lo ha confermato questa mattina, in un’aula a porte chiuse del tribunale di Reggio Emilia, durante l’incidente probatorio. Indagati per l’omicidio di Saman sono i due genitori, fuggiti in Pakistan, uno zio e un cugino, latitanti in Europa e un altro cugino, attualmente in carcere a Reggio Emilia e collegato con l’udienza di oggi. Il fratello, rintracciato il 10 maggio mentre stava lasciando l’Italia e da allora in una comunità protetta, era già stato sentito e aveva detto che lo zio gli aveva confessato di aver ucciso la giovane, che si era opposta a un matrimonio combinato e voleva andarsene dalla famiglia, dopo essere ritornata a casa per un breve periodo. L’incidente probatorio serve a ‘cristalizzare’ le sue dichiarazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *