Smascherata truffa da 300mila euro

Avevano messo in piedi una truffa che grazie ad un’elaborata tecnologia elettronica gli aveva permesso di impossessarsi di orologi di elevato valore, per lo più Rolex. In pratica, i truffatori, dopo aver contattato gli ignari venditori on-line, si proponevano come acquirenti, fornendo in pagamento un assegno circolare di una banca bolognese. Raggiunto l’accordo, prima di effettuare lo scambio orologio/assegno, il venditore chiamava la banca per verificare la copertura dell’assegno. Purtroppo all’altro capo del telefono c’era uno dei truffatori che, manomettendo una centralina telefonica, si sostituiva all’impiegato dell’istituto di credito. Era questo il sistema escogitato da una banda che è stata smascherata dalla squadra Mobile della questura di Bologna e ritenuta responsabile di decine di ‘colpi’ di questo tipo messi a segno nelle ultime settimane fra Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia e Piemonte, con un bottino stimato in circa 300mila euro. L’ultima azione è stata intercettata mercoledì ad Altedo, nel Bolognese, dalla polizia che ha arrestato due persone, un 31enne e un 33enne entrambi di Napoli. Sono accusati di truffa, interruzione illecita di comunicazioni telefoniche, sostituzione di persona e danneggiamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *