Strage di Bologna: ergastolo per Bellini. Lepore: Bologna non si ferma

La Corte d’Assise di Bologna ha condannato all’ergastolo con un anno di isolamento diurno Paolo Bellini, ex esponente di Avanguardia Nazionale, per concorso nella strage del 2 agosto 1980 alla stazione ferroviaria del capoluogo emiliano. La sentenza è stata letta in aula poco dopo l 13.30 dal presidente della Corte, Francesco Caruso

Queste le parole del sindaco di Bologna Matteo Lepore: «Come Sindaco sento profondamente dentro di me le emozioni di questa giornata. Non ci fermeremo, ve lo assicuro, finché piena luce su tutto non sarà fatta. Grazie all’associazione dei familiari, grazie agli avvocati di parte civile, ai giudici e ai pubblici ministeri. Bologna non si ferma. È in gioco l’onore del nostro paese. L’Italia non si uccide».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *