Violenta lite a Modena, quarantanovenne arrestato per tentato omicidio

Bloccato dall’esercito e poi arrestato dalla polizia. Risponde di tentato omicidio un quarantanovenne italiano con precedenti di polizia finito in manette domenica sera al termine di violenta lite scoppiata per futili motivi a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Modena attorno alle 21. Al culmine del diverbio, come confermato dalle telecamere di videosorveglianza, il quarantanovenne italiano ha estratto un coltello a serramanico colpendo con diversi fendenti al ventre, ad una gamba e ad un braccio il suo rivale, un cittadino ghanese.

Poi con l’arma ancora in mano ha tentanto di sfuggire a due militari del 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, in servizio di pattugliamento poco lontano nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, accorsi per separarli. I soldati sono riusciti a bloccarlo non senza difficoltà e ad avvisare gli uomini delle volanti e della squadra mobile della questura di Modena che hanno proceduto al suo arresto. L’altro uomo, rimasto a terra semi incosciente dopo le coltellate è stato subito soccorso e trasportato dagli uomini del 118 all’ospedale di Baggiovara.

Fuori dalla stazione ferroviaria, si è poi formato un capannello di persone che hanno iniziato a discutere animatamente su quanto accaduto e solo l’intervento degli agenti ha permesso di gestire la situazione prima che potesse degenerare di nuovo. Dopo l’arresto il quarantanovenne è stato portato in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *