Vongola di Goro: nasce Area di Tutela

Circa 67mila metri quadrati di superficie a salvaguardia della biodiversità e per preservare il novellame di vongola da prelievi impropri. È la nuova Area di Tutela Biologica del tratto finale “Foce Po di Goro”, istituita con un’apposita determina dirigenziale dalla Regione. L’obiettivo è incrementare, nel pieno rispetto dell’ambiente circostante, le risorse per la crescita spontanea di molluschi bivalvi delle specie Ruditapes spp., la “vongola di Goro”, eccellenza locale che viene oggi esportata in tutt’Italia e in diversi Paesi europei.

Quest’ulteriore area di tutela si aggiunge a quelle già istituite sul territorio regionale e destinate a “nursery”, ovvero zone per l’insediamento e lo sviluppo del novellame di vongola verace (specie Philippinarum).

L’assessore regionale all’Agricoltura e alla Pesca ha sottolineato come l’istituzione delle Aree di Tutela Biologica sia uno strumento valido, che consente di armonizzare le azioni sul territorio per lo sviluppo delle attività di pesca e acquacoltura con le attività connesse per la tutela dell’ambiente. Inoltre, le recenti crisi anossiche che hanno interessato numerosi allevamenti, con gravi conseguenze economiche sulle produzioni, hanno reso ancora più forte l’esigenza di individuare ulteriori aree adatte alla riproduzione, all’insediamento e allo sviluppo delle larve di Ruditapes spp., finalizzate al ripopolamento degli allevamenti stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.